Durante le mie incessanti sessioni di ricerca sugli ingredienti attivi migliori da utilizzare a scopo cosmetico per prendermi cura della mia pelle – e per scongiurare il ricorso a siringhe o bisturi in futuro – mi sono appassionata al tema del Retinolo. Nell’ultimo anno, infatti, questa forma di vitamina A è stata una protagonista ricorrente dei miei approfondimenti. Da inguaribile appassionata della skin care quale sono, dopo aver letto centinaia di studi e ricerche, decine di post di beauty blogger e guardato dozzine di video-testimonianze di donne che lo utilizzano da poco o da oltre 40 anni, ho elaborato alcune conclusioni personali che vorrei condividere con voi.
Anti-oxidant, anti-aging, peeling and moisturizing skin care treatments
1) Si tratta di uno degli attivi che riscontra maggiori consensi nel contrastare rughe, zampe di gallina, cicatrici, foto-aging e macchie d’età.

2) Era stato introdotto largamente come cura per l’acne molti anni fa e solo successivamente si è scoperto che, come ‘effetto collaterale’, rendeva la pelle liscia e senza macchie.

3) Quello disponibile sul mercato libero è il Retinolo, solitamente in dosaggi molto bassi, mentre la versione più forte si chiama Acido Retinoico e viene prescritto esclusivamente da medici dermatologi.

4) E’ indispensabile utilizzarlo solo alla sera, per evitare ogni contatto con la luce solare – fate conto di essere dei vampiri – e, i giorni successivi, si deve indossare un elevato filtro solare ( cosa che andrebbe fatta sempre e comunque, ma a maggior ragione in questa circostanza data la fotosensibilità che ne consegue).

5) Moltissime donne che lo utilizzano da anni ( parlo soprattutto di testimonianze di donne che vivono negli Stati Uniti dove da sempre l’attenzione, la diffusione, la reperibilità degli strumenti volti a migliorare l’aspetto estetico e la condivisione delle informazioni sono più vasti e capillari ) dichiarano che è fondamentale introdurre l’utilizzo del Retinolo in giovane età, molte consigliano addirittura dai 25 anni, in quanto porterebbe a migliori risultati il fatto di intervenire in maniera preventiva sull’insorgere di rughe e macchie. Leggere tutte queste testimonianze ha fatto un pochino vacillare la mia convinzione che gli ingredienti attivi più ‘aggressivi’ vadano sfoderati soltanto una volta superati i 50 anni.

6) Se nel caso dell’Acido Retinoico è indispensabile il tramite di un dermatologo, è comunque consigliabile un consulto anche prima di utilizzare prodotti da banco a base di Retinolo, giusto per accertarsi che facciano al caso nostro.

7) Molte persone dopo l’uso di Retinolo anche in piccole percentuali possono sperimentare forti arrossamenti, sensibilizzazione e pelle che si squama. Si tratta generalmente di fenomeni normali che si risolvono allungando gli intervalli tra una applicazione e l’altra: ho letto di donne che lo usano 1 sola volta alla settimana e altre che lo applicano senza problemi ogni sera ( ancora una volta torna utile il parere di uno specialista, oltre alla vostra pratica sul campo). Anche in questo caso il web è carico di risorse per porre rimedio a queste reazioni: dall’uso del Clarisonic per eliminare ogni traccia di desquamazione, all’uso contemporaneo di balsami superidratanti. Il messaggio è però univoco: non mollate, la fase di pelle reattiva passerà e sarete soddisfatte dei risultati.

8) La pelle ha bisogno di abituarsi a questo ingrediente, quindi partite con cautela ed aumentate la frequenza fino a quando la tollerale ( comunque mai più di una volta al giorno ) e non scoraggiatevi.
redermic, retinol, retinolo
9) La mia esperienza personale finora è limitata all’uso sporadico della crema Redermic R di La Roche-Posay. La caratteristica è che il Retinolo contenuto, allo 0,1%, viene rilasciato gradualmente rendendo questa crema adatta anche alle pelli più sensibili come la mia. Personalmente sono arrivata ad usarla anche tre sere di fila senza avere alcuna reazione avversa. Dopo un uso incostante per alcune settimane posso dire di aver notato un miglioramento su alcune piccole cicatrici.

10) Se cercate la spinta definitiva per introdurre il Retinolo nella vostra skin care vi consiglio un canale Youtube, quello di Melissa55, una sorridente signora che vive negli Stati Uniti meridionali, che utilizza diversi prodotti con diverse concentrazioni di questo attivo da moltissimi anni come unico strumento di cura per la pelle, no botox, no filler, no dermoabrasione, niente altro. Se non avete familiarità con la lingua inglese andate anche soltanto a vedere la sua greed Instagram e ammiratela: ha 63 anni e non ci crederete!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.